Ultimi Progetti

 Il progetto nasce dalla volontà dei committenti di avviare una struttura ricettiva a Palermo, città di grande interesse culturale, nominata capitale della cultura 2018 e con una forte impronta storica riconosciuta anche dall’Unesco. In una metropoli turistica e culturale come Palermo, sono sempre più gli immobili che variano la destinazione d’uso da abitazione a casa vacanza o b&b, questa è stata l’idea di una famiglia che ha voluto investire nel settore turistico della città. L’appartamento, al secondo piano di un immobile di nuova costruzione, scorge la città al confine col porto di Palermo, a due passi dalla Cala e dal centro antico. Nonostante il progetto avesse disegnato uno spazio, pulito e razionale, l’appartamento necessitava di una impronta che ne definisse il carattere, proprio per questo, insieme alla proprietaria, ho ricercato un leit motif che potesse riscrivere il linguaggio dell’immobile. In un appartamento esistente, le cui rifiniture e i dettagli già definiscono uno spazio essenziale e moderno, la chiave poteva essere imprimere uno stile sobrio ma forte, come quello di un loft dal linguaggio industriale, con un tono chic, nella ricerca del dettaglio, dell’arredo e dell’oggetto che ne avrebbero delineato il design. Il progetto inizialmente immaginato come uno spazio unico, ha definito ogni ambiente come il succedersi di spazi coerenti che dialogavano tra loro, la cucina industriale, di gusto un po retrò, aperta su uno spazio conviviale, cuore della casa, che lascia nascosta una alcova notturna, raffinata ed elegante con accesso diretto al servizio di pertinenza dell’appartamento.

In un agglomerato urbano, caotico quale quello di Villabate, frazione di Palermo, casa M. spicca per la sua originalità e unicità. L’immobile è costituito da una palazzina su due livelli, con un particolarissimo prospetto a colore grigio e magenta, non poco evidente. Il progetto di ristrutturazione era stato già definito precedentemente, l’intervento richiedeva quindi una rieditazione dell’arredamento per alcune aree della casa, poco curate e ancora da definire. Su richiesta della committenza, sono state mantenute alcune caratterstiche già presenti nell’immobile, alle quali si è accostato un progetto di ri-pensamento dello spazio sulla base di alcuni vincoli predefiniti. La zona living, già appariscente con un predominare del colore magenta alle pareti, è stata riprogettata con l’inserimento di una carta da parati wall and deco, di forte impatto, necessario per imprimere un carattere e un significato ad uno spazio altresi indefinito. Nella stessa zona è stata inserita una cucina a vista, su progetto, che dialoga quasi silenziosamente con uno spazio già perfettamente delineato con arredi living, madia sospesa, parete attrezzata e tavolo da pranzo. Il passaggio da zona giorno a zona notte è segnato da una carta da parati che corre lungo tutto il disimpegno che riprende i toni vivaci della sala da bagno padronale dipinta quasi come una tela da un disegno dalle forti tinte rosse e azzurre del prezioso mosaico Bisazza.  

Il progetto nasce dalla volontà dei committenti di avviare una struttura ricettiva a Palermo, città di grande interesse culturale, nominata capitale della cultura 2018 e con una forte impronta storica riconosciuta anche dall’Unesco. In una metropoli turistica e culturale come Palermo, sono sempre più gli immobili che variano la destinazione d’uso da abitazione a casa vacanza o b&b, questa è stata l’idea di una famiglia che ha voluto investire nel settore turistico della città. L’appartamento, al secondo piano di un immobile di nuova costruzione, scorge la città al confine col porto di Palermo, a due passi dalla Cala e dal centro antico. Nonostante il progetto avesse disegnato uno spazio, pulito e razionale, l’appartamento necessitava di una impronta che ne definisse il carattere, proprio per questo, insieme alla proprietaria, ho ricercato un leit motif che potesse riscrivere il linguaggio dell’immobile. In un appartamento esistente, le cui rifiniture e i dettagli già definiscono uno spazio essenziale e moderno, la chiave poteva essere imprimere uno stile sobrio ma forte, come quello di un loft dal linguaggio industriale, con un tono chic, nella ricerca del dettaglio, dell’arredo e dell’oggetto che ne avrebbero delineato il design.  

La sfida questa volta era soddisfare le esigenze di una giovane famiglia con un budget limitato, una ristrutturazione di un piccolo appartamento in una palazzina in zona periferica limitrofa a Palermo. L’idea iniziale era quella di non intervenire pesantemente ma lasciare quasi inalterata la linea dell’appartamento, attraverso uno studio progettuale minuzioso, la messa a fuoco del dettaglio un intervento silenzioso e quasi invisibile. Creare una divisione ideale attraverso un ingresso disimpegno marcato da linee e fasci di luce che tagliavano il soffitto, definendo idealmente la divisione zona giorno, zona notte. Giochi di nicchie nascoste e in luce lungo tutta la parete, accompagnavano verso la zona living separata dalla cucina, che accoglieva in un ambiente pieno di luce dato dall’esposizione della stanza, e da un gioco di colore, che permea parete e parte del soffitto, che si ritrova anche nella zona notte, camera padronale dove l’effetto rilassante del blu, crea un ambiente avvolgente.  

Studio Professionale di Architettura a Palermo

  •  

    0916195783 - 3208056607
  •  

    Via Antonio Pacinotti 34 - Palermo - 90145

   

Iscriviti alla nostra newsletter

captcha 
Ti garantiamo che il tuo indirizzo email non sarà condiviso con aziende esterne